Gianandrea Gavazzeni

Bergamo 12 aprile 1985

Ho conosciuto - da spettatore - il Teatro Vittorio Emanuele - Amintore Galli - di Rimini, prima dei danneggiamenti subìti causa la guerra. Bellissima sala dell'illustre architetto teatrale Poletti, al quale si devono altre sedi operistiche. Ritengo assolutamente impropria e inopportuna l'idea del Comune Riminese di bandire un concorso per un teatro di caratteri e strutture "moderne". Si impone il ripristino del progetto originale, per motivi di pregio architettonico e decorativo e per tradizione storica. Ciò non esclude che con i dovuti accorgimenti, la capienza della sala e l'agibilità sia configurata sulle esigenze pubbliche e sociali di oggi. Esempio preclaro il ripristino del Teatro Filarmonico di Verona, pure danneggiato per cause belliche e ripristinato sul progetto originale settecentesco (Bibbiena), con ammodernamento inerente alle pubbliche esigenze odierne. Altro prossimo esempio il Neoclassico Teatro Sociale di Bergamo Alta, anch'esso attualmente inagibile, che verrà per decisione della Commissione costituita dal Comune, restaurato secondo le origini. E' quindi molto utile, per la Città di Rimini, una mobilitazione opinionale che valga a indurre il Comune a seguire la strada del ripristino e ad abbandonare il progetto concorsuale.

Auguro felice riuscita all'iniziativa dei giovani riminesi impegnati nella vertenza.

Gianandrea Gavazzeni

(Maestro Gianandrea Gavazzeni)

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Ultima modifica: Venerdì, 12 Settembre 2014 21:19
  • Vota questo articolo
    (0 Voti)
  • Letto 4596 volte
Altro in questa categoria: Maurizio Pollini »

0 commento

Lascia un commento

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Torna in alto